La terra del Drago Tonante: viaggio nel Bhutan

10 giorni / 9 notti

Alla ricerca dello Shangri-La ai piedi dell’Himalaya tra valli e passi. Un viaggio, un’esperienza unica in Bhutan, terra buddhista di sorrisi e felicità.

Paro – Thimphu – Dochu La – Wangdue – Trongsa – Yutong La – Bumthang – Gangtey/Phobjikha – Punakha/Wangdue – Paro

Itinerario

1° giorno: Paro – Thiumphiu

In mattinata a Paro con volo di linea da Delhi o da Kathmandu. Accoglienza all’aeroporto e trasferimento a Thimphu. Lungo il trasferimento sosta a Chuzom alla confluenza dei fiumi Thimphu e Paro, e al Tschogang Lhakhang, “il tempio del cavallo eccellente”. Arrivo a Thimphu, capitale del Bhutan centro del governo, della religione e del commercio. Thimphu è una città unica con insolita miscela di moderno a fianco di antiche tradizioni.
Pernottamento a Thimphu a 2.320 m.

2° giorno: Thiumphu e valle circostante 

Al mattino a Thimphu visita della Biblioteca Nazionale, dell’Istituto per Zorig Chusum (comunemente conosciuta come la Scuola di Pittura), del Museo del Tessuto e del Simply Bhutan.
Nel pomeriggio visita del King’s Memorial Chorten monumneto al re e alla pace, con la continua circumambulazione dei fedeli. Successivamente visita del Trashichhoedzong, “fortezza della religione gloriosa”, centro del governo e della religione. Tardo pomeriggio sosta al Buddha Point (Kuensel Phodrang, per panoramica della valle Thimphu. In serata tempo per passeggiare tra locali bazar e  sfogliare esempi delle belle arti tradizionali del Bhutan.
Pernottamento a Thimphu a 2.320 m.

Punakha Dzong o grande Palazzo della Felicità

3° giorno: Thiumphu – Dochu La – Wangdue – Pele La – Trongsa 

Trasferimento per Trongsa, passando per il passo Dochu La a 3.080 m. In Bhutan, i passi sono segnati da grandi chorten e da bandiere di preghiera. . In una giornata limpida dal Dochu La si può apprezzare la vista spettacolare delle alte vette dell’Himalaya orientale da sinistra a destra il Masagang 7.158 m., il Tsendagang 6.960 m., il Terigang 7.060 m., il Jejegangphugang 7.158 m., il Kangphugang 7.170 m., il Zongphugang 7.060 m. e infine la vetta più alta del Bhutan il Gangar Puensum a 7.497 m.
Dal Dochu-La Pass, c’è una lunga e tortuosa discesa che porta alla valle Wangduephodrang. Prima di entrare in città si incontra il piccolo villaggio di Rinchengang. Dopo il pranzo in città a Wangduephodrang, si prosegue fino a Trongsa. Durante il tragitto sosta al passo Pele La a 3.300 m., e poi al Chendebji Chorten costruito da Tshering Wangchuk nello stile del grande stupa di  Boudhanath in Nepal. Serata a disposizione a Trongsa.
Pernottamento a Trongsa a 2.310 m.

4° giorno: Trongsa – Yutong La – Bumthang

Al mattino visita del Trongsa Dzong, il più imponente Dzong del Bhutan,  casa ancestrale della famiglia reale. Di seguito visita del Ta Dzong, una struttura in pietra cilindrica di cinque piani, costruita nel 1652 da Chögyal Minjur Tempa. Dopo pranzo trasferimento per Bumthang attraverso il passo Yutong La a 3.400 m. e poi si scende verso il basso attraverso foreste di conifere in un’ampia valle conosciuta come la valle Chumey famosa per la tessitura della lana chiamato “Bumthang Yathra”.
Pernottamento  a Bumthang a 2.600 m.

5° giorno: Bumthang e dinorni

Intera giornata a Bumthang, il cui nome è dato dalla combinazione di quattro valli – Chumey, Choekhor, Tang e Ura. L’area è sede di molti importanti templi buddisti e monasteri. Visita del Kurje Lhakhang, dove il santo Padmasambhava sottomise un demone locale e ha lasciato la sua impronta su una roccia, il Jambey Lhakhang un  tempio del VII secolo, il Tamshing Lhakhang abitazioni che conservano antiche pitture murali in Bhutan, e il Jakar Dzong il centro amministrativo della regione. Nel pomeriggio visita del Monastero Kharchhu Lhodrak, del Lamey Goemba un grande palazzo e monastero costruito nel XVII secolo, del Chakhar Lhakhang letteralmente il castello di ferro, il palazzo originale era di ferro e da qui il nome “Chakhar”.
Pernottamento a Bumthang a 2.600 m.

Punakha Dzong o Palazzo della grande felicità

6° giorno: Bumtang – Gangey/Phobjikha

Trasferimento nella valle di Gangtey/Phobjikha, uno dei luoghi più belli e remoti del Bhutan. Un’ampia valle piatta senza alberi che si incontra dopo una dura salita attraverso fitte foreste. Visita del Gangtey Gompa fondato nel 1613 da Gyaltse Pema Thinley, reincarnazione di Pema Lingpa, e Tenzin Legpai Dhendup la seconda reincarnazione, costruì il tempio. La valle Phobjikha è una delle più belle valli glaciali dell’Himalaya, luogo dove d’inverno riparano le gru dal collo nero.
Pernottamento a Gangtey a 3.000 m.

7° giorno: Gangey/Phobjikha – Punakha/Wangdue

In mattinata continua la visita della valle di Phobjikha, con visita anche del centro dedicato alle gru dal collo nero. Al termine rientro a Punakha, dove nel pomeriggio visita del Punakha Dzong o Palazzo della grande felicità, costruita alla confluenza dei fiumi Phochu e Mochu. Questo maestoso dzong è servito come centro religioso ed amministrativo del Bhutan in passato. Escursione a Chimi Lhakhang, conosciuto anche come il tempio della fertilità. Il sentiero conduce attraverso i campi di riso al piccolo insediamento di Pana con rari scorci di vita quotidiana.
Pernottamento a Punakha / Wangdue a 1.300 m.

Monaco buddhista con sorriso

8° giorno: Punkha – Paro 

Rientro a Paro scendendo giù dal Dochu La, seguendo la via del ritorno per le drammatiche valli del fiume Wang Chhu e Paro Chhu. Lungo il tragitto visita del Simtokha Dzong, un luogo di profondo insegnamento tantrico. Di seguito visita dello Ta Dzong, originariamente costruito come Torre di Guardia, poi a piedi lungo il sentiero per visitare il Rinpung Dzong, che significa “Fortezza del mucchio di gioielli”, che ospita dipinti murali che illustrano tradizioni buddiste.
Pernottamento a Paro a 2.280 m.

9° giorno: Paro 

Escursione al Monastero Taktshang (circa 5 ore di andata e ritorno a piedi). Uno dei più famosi monasteri del Bhutan, arroccato sul fianco di una scogliera anche noto come “Nido della Tigre”. Sulla via del ritorno fermata alla fortezza Drukgyel Dzong, e al Kyichu Lhakhang, uno dei 108 templi costruiti in Himalaya dal re tibetano Songtsen Gampo. La costruzione di questo tempio segna l’introduzione del Buddismo in Bhutan. In serata passeggiata esplorativa intorno strada principale e la zona del mercato.
Pernottamento a Paro a 2.280 m.

10° giorno: Paro – Kathmandu/Delhi

Trasferimento all’aeroporto e con volo di linea trasferimento a Kathmandu o New Delhi.

Foto

Richiedi informazioni

Privacy Policy

I dati personali comunicati tramite la compilazione del questionario saranno trattati da India Nepal Viaggi di Samuele Fracasso, in modo da garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi, nel rispetto di quanto previsto dal Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs. 196/2003). Il trattamento avverrà mediante la consultazione e l’elaborazione sia in forma cartacea che informatica, il cui accesso è sotto controllo. I dati personali potranno essere comunicati all’interno della nostra Società agli incaricati degli uffici interessati, ai seguenti fini: ricerche di mercato, attività di promozione e informazione commerciale, etc. Inoltre i Vostri dati personali potranno essere comunicati dalla nostra società, titolare del trattamento, anche a società collegate o a società terze per il raggiungimento delle medesime finalità. Specifichiamo che il conferimento dei dati da parte degli utenti è facoltativo, ma è tuttavia indispensabile per l’invio delle informazioni da Lei richieste. Potrà richiedere in qualsiasi momento l’aggiornamento, la modifica, l’integrazione, la cancellazione dei suoi dati, secondo quanto previsto dall’art. 7 del D.Lgs. 196/2003, inviando un e-mail all’indirizzo info@indianepalviaggi.it