Shiva divinità grandiosa e paradossale fra ascesi e sensualità

Shiva divinità

Shiva è  una delle divinità più importanti nel pantheon indù delle principali divinità dell’induismo, grandiosa e paradossale, una figura che armonizza le contraddizioni fra ascesi e sensualità e, insieme a Brahma e Vishnu, è considerato un membro della santa trinità (trimurti) dell’induismo.

Se Brahma è il creatore, Vishnu il preservatore, Shiva è il distruttore per antonomasia. Il suo compito è distruggere tutti i mondi alla fine della creazione e dissolverli nel nulla. Le moderne teorie dello spazio suggeriscono la possibile fine dell’universo fisico dopo alcuni miliardi di anni attraverso l’espansione di un gigantesco buco nero che divora la materia da infinite galassie. Forse Shiva sarebbe il buco nero o il suo creatore che svolge questo compito.

Ma la distruzione di Shiva non è negativa. È una distruzione positiva, nutriente e costruttiva che costruisce e trasforma la vita e l’energia per il benessere del mondo e degli esseri che la abitano. Distrugge per rinnovare e rigenerare le forme di vita e facilitare la trasformazione, l’evoluzione o le modificazioni della natura. La sua distruzione è la distruzione di un artista, un chirurgo o un cuoco. Attraverso la distruzione facilita la fluida transizione di cose ed eventi da uno stadio all’altro.

Se Shiva distrugge l’universo alla fine di ogni ciclo che poi consente una nuova Creazione, shiva è anche il grande asceta, che si astiene da ogni forma di indulgenza e piacere, concentrandosi piuttosto sulla meditazione come mezzo per trovare la felicità perfetta. È celebrato per la sua castità e la sua ascesi, è il patrono degli yogi e dei bramini, e anche il protettore dei Veda, e dei testi sacri. Supremo adepto dello Yoga, archetipo di dominio totale dei sensi, modello per tutti gli asceti itineranti.

In sanscrito Shiva significa “benevolo”,  “fausto”, “di buon auspicio” che gli shivaiti adorano come il dio supremo. La sua personalità enigmatica e complessa si riflette nei suoi 1008 appellativi e nella varietà di immagini ispirate alle intricate mitologie intessute intorno alla figura di Shiva.

Il dio è comunemente chiamato anche Śiwa, Śiva, Shambhu “Benefattore”, Shankara “Propizio”, Nataraja “Signore della danza”, Sadashiva “Shiva eterno”, Sundareshvara “Sposo avvenente”, Mahesha “Grande Signore”, Mahadeva “Grande Dio”, Pashupati “Signore degli animali domestici” (ovvero delle anime), Bhairaya “spaventoso”, Ishana “Il Sovrano”, Ishvara “Il Signore”, Vishvanatha “Signore dell’Universo”,  Gangadhara “Portatore della Ganga”, e cosi via con molti altri epiteti.

Origini di Shiva

Ci sono diverse leggende che pretendono di spiegare l’esistenza di Shiva, e quella più popolare racconta che Brahma e Vishnu stessero discutendo e ciascuno pensava di essere il dio più forte, ma all’improvviso, nel mezzo della discussione, apparve una colonna ardente. I suoi rami e radici raggiunsero le estremità più lontane della terra e dei cieli. Brahma si trasformò in un’oca e volò fino all’estremità superiore del pilastro, ma non riuscì a trovarlo. Vishnu si trasformò in un cinghiale e scavò un tunnel attraverso la terra per trovare le radici del pilastro. Nessuno delle due ricerche ebbe esito, ritornarono da dove erano partiti appena in tempo per vedere Shiva comparire all’interno del pilastro. Immediatamente capirono che Shiva aveva un grande potere e che con loro era un sovrano dell’universo.

Le origini di Shiva sono probabilmente molto remote, sembra già presente nella civiltà dell’Indo. Il termine Shiva compare nel Rigveda come appellativo propiziatorio di Rudra il dio delle tempeste, perchè pur essendo distruttivo, era anche il dispensatore della pioggia e assicurava così la crescita dei raccolti e la prosperità della comunità. In seguito l’appellativo venne a formare il nome Rudra-Shiva, acquistando un’identità propria il II secolo a.C.. Da allora in poi, Shiva fu adorato come divinità a sé.

Raffigurazioni antropomorfe di Shiva

Shiva è rappresentato in una varietà di forme: in uno stato d’animo pacifico con la sua consorte Parvati e il figlio Skanda o come il danzatore cosmico Nataraja, come asceta nudo, come un mendicante, come uno yogi, come un dalit (precedentemente chiamato intoccabile) accompagnato da un cane Bhairava e dall’unione androgina di Shiva e della sua consorte in un corpo, metà maschio e metà femmina (Ardhanarishvara).

È sia il grande asceta che il padrone della fertilità, ed è il maestro sia del veleno che della medicina, attraverso il suo potere ambivalente sui serpenti. Come dio del bestiame Pashupati, è il benevolo mandriano, anche se a volte è associato allo spietato massacro delle “bestie” che sono le anime umane a lui affidate. Sebbene alcune delle combinazioni di ruoli possano essere spiegate dall’identificazione di Shiva con precedenti figure mitologiche, esse derivano principalmente dalla tendenza nell’induismo a vedere le qualità complementari in una singola figura ambigua.

La consorte femminile di Shiva è conosciuta sotto varie manifestazioni come Uma, Sati, Parvati, Durga e Kali. Shiva è anche a volte in coppia con Shakti, incarnazione del potere. Si dice che la coppia divina, insieme ai loro figli, Skanda e Ganesha con la testa di elefante, dimori sul Monte Kailash sull’Himalaya. Si dice che lo Skanda a sei teste sia nato dal seme di Shiva, che fu versato nella bocca del dio del fuoco, Agni, e trasferito prima al fiume Gange e poi a sei delle stelle nella costellazione delle Pleiadi. Secondo un altro mito ben noto, Ganesha nacque quando Parvati lo creò dal sudiciume che lei gli aveva cancellato durante un bagno, e ricevette la sua testa di elefante da Shiva, che era responsabile della sua decapitazione.

Shiva divinità pantheon indù

Il veicolo di Shiva nel mondo, il suo vahana, è il toro Nandi. Una scultura o raffigurazione del toro Nandi si trova di fronte al santuario principale di molti templi dedicati a Shiva.

Shiva è solitamente raffigurato nella pittura e nella scultura come un bianco vibhuti (dalle ceneri di cadaveri che vengono spalmati sul suo corpo) con un collo blu (dal tenersi in gola il veleno che emerse allo sbattere dell’oceano cosmico, che minacciava di distruggere il mondo), i suoi capelli disposti in una bobina di serrature intrecciate jata o jatamakuta simbolo di non attaccamento, indicano la condizione ascetica di Shiva, adornati con la falce della mezzaluna allusione al tempo, e da un rivolo d’acqua che rappresenta la Ganga il Gange. Secondo la leggenda, ha portato il fiume Gange a terra dal cielo, dove lei è la Via Lattea, permettendo al fiume di gocciolare attraverso i suoi capelli, rompendo così la sua caduta.

Shiva ha tre occhi, il terzo occhio si pare verticalmente al centro della fronte e simboleggiano il sole, la luna e l fuoco della distruzione e della saggezza. Shiva porta due orecchini uno a forma di makara all’orecchio destro, e uno circolare con un foro al centro, al sinistro simboleggianti la sua sposa Devi che muta di aspetto secondo le manifestazioni di Shiva.

Di solito è vestito di bianco, a volte con fianchi cinti da una pelle di tigre e con la pelle del demone Gajasura sulla spalla. Indossa il cordone sacro, e il suo corpo è ornato di serpenti, simbolo dell’attaccamento al mondo.

Indossa una ghirlanda di bacche rudrakshamala, o una ghirlanda di teschi che esprime l’aspetto terribile  del dio, collegato anche, con la morte e la distruzione.

Le armi e gli emblemi portati nella mani quatto o otto mani impugnano una pelle di daino o antilope rampante mriga, il tridente trishula, un tamburello a mano a forma di clessidra damaru, la conchiglia, il fiore di loto, un bastone o ascia con un teschio parashu. Il cranio/teschio ciotola identifica Shiva come un Kapalika “portatore di teschi” e si riferisce a un periodo in cui tagliò la quinta testa di Brahma. La testa gli si attaccò alla mano fino a raggiungere Varanasi, una città sacra a Shiva. Poi è caduto, e un santuario per la purificazione di tutti i peccati, noto come Kapala-mochana “Il rilascio del teschio”, è stato successivamente stabilito nel luogo in cui è atterrato.

Shiva venerato nella forma di linga

Il simbolo più complesso a cui è associato Shiva  e il  linga, lingam o lingham. Presente nei templi e nei santuari il linga è un oggetto votivo cilindrico, un fallo simbolo di fertilità o energia divina che si trova nei templi del dio, dove è spesso incorporato in un piatto yoni o versato.

Shiva dvinità

Fedeli che rendono omaggio a Shiva raffigurato come Lingam ad Ujjain sulle rive del fiume Sipra

Dopo la morte di Sarti, e prima della sua reincarnazione, Shiva era in lutto e si recò nella foresta di Daru per vivere con gli asceti o yogi. Tuttavia, le mogli dei asceti iniziarono presto a interessarsi a Shiva. Nella gelosia, gli asceti prima mandarono una grande antilope e poi una gigantesca tigre contro il dio, ma Shiva li affrontò rapidamente e indossò la pelle di tigre da allora in poi. Gli asceti allora maledirono la virilità di Shiva che, di conseguenza, cadde. Quando il fallo colpì il terreno, iniziarono i terremoti e gli asceti si spaventarono e chiesero perdono. Questo venne concesso da Shiva, ma disse loro di adorare per sempre il fallo come il Linga simbolico.

Già tra i resti delle civiltà dell’indo della civiltà di Harappa (circa 3000-1700 a.C.) sono state rinvenute piccole figure che rappresentano il fallo, come summa energia cosmica.

Potrebbe interessare:
Il simbolismo di Nataraja lo Shiva danzatore cosmico
Maha Shivaratri “la notte di Shiva a Pashupatinath”
Cerimonia notturna al tempo di Meenkashi: Shiva si riunisce con Parvati

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *