Erbe e spezie in ayurveda tra cucina e alimentazione

Erbe e spezie in ayurveda

L’Ayurveda, il tradizionale sistema di guarigione in India, utilizza oltre 5.000 erbe. Erbe e spezie in ayurveda sono particolarmente versatili e ben assortiti per risolvere i problemi comuni che incontriamo quotidianamente e sono diventati rimedi popolari,  integratori naturali per una varietà di condizioni nonchè componenti della cucina ayurvedica.

L’ayurveda riguarda l’equilibrio, l’equilibrio nel sonno, equilibrio nel cibo, equilibrio nell’attività fisica, attività sessuale, tutte quelle cose che quando hanno raggiunto un equilibrio, permettono al tuo corpo di funzionare correttamente.

Presentiamo qui 12 erbe e spezie in ayurveda, una per ogni mese dell’anno. Suggerimenti mensili su come l’aggiunta di determinate erbe e spezie nella nostra dieta aiuti il nostro benessere.

Cumino

A gennaio arriva il nuovo anno tutti sono pieni di motivazioni con propositi di cambiamento, il momento in cui il nostro corpo è ancora un po’ debole per tutte celebrazioni del nuovo anno.  Il cumino ti aiuterà a ritrovare il tuo Equilibrio. L’equilibrio tra il tuo Vatha e Kapha Dosha a cui si aggiunge l sue proprietà anti-tossico e depurative.

Nome scientifico: Cuminum cyminum Linn
Famiglia: Ombrellifere
Parte utile: seme
Nome sanscrito: jeerka / ajaji

Proprietà ayurvediche:

  • Riduce kapha e vatha
  • Carminative
  • Riduce la flatulenza
  • Anti elminitico
  • Allevia la febbre, le malattie della pelle
  • Anti diarroico
  • Antitossico
  • Benefici per gli occhi

Il cumino è il seme essiccato della pianta Cuminum cyminum che rientra nella famiglia del prezzemolo. È una spezia che inevitabilmente si trova nelle diverse cucine indiane e anche nei farmaci ayurvedici. Riduce il Kapha e Vatha. È leggero e caldo nella proprietà. È un forte stimolante digestivo e utile nelle malattie della pelle, nell’intestino irritabile, contro la diarrea. È molto efficace per alleviare il gonfiore. È antitossico e anche molto utile nelle malattie degli occhi. Ha una forte proprietà wormicida. Il cumino è diuretico e salutare per l’utero. Migliora la forza del corpo ed è afrodisiaco. È utile anche per la febbre.

Finocchio

Febbraio un mese in cui l’inverno si fa molto sentire, e spesso le persone si raffreddano o non si sentono a proprio agio. Un momento in cui il finocchio aiuta ad alleviare il raffreddore o a riequilibrare lo stomaco. Il finocchio bilancia il Vatha e il Pitha Dosha, che in questo periodo dell’anno sono facili da sbilanciare.

Nome scientifico: Foeniculum vulgare
Famiglia: Apiaceae / Ombrellifere
Parte utile: seme, radice
Nome sanscrito: misreya / misi

Proprietà ayurvediche:

  • Riduce la vatha e il pitha dosha
  • Carminativo
  • Espettorante
  • Anti elminitico
  • Diuretico
  • Afrodisiaco
  • Antiemetico
  • Previene l’acidità

Il finocchio è dolce e acre / pungente nel gusto. Riduce Vatha e Pitha anche se ha un sapore leggermente speziato o piccante. È buono per la digestione in quanto è un carminativo che aiuta ad alleviare il gonfiore e l’indigestione. Aiuta ad espellere la flemma perché è un espettorante. Ha proprietà wormicide, ed è utile per uccidere i vermi intestinali. Il finocchio è afrodisiaco e diuretico; utile nei disturbi urinari in cassa di minzione difficile. Aiuta a controllare il vomito, il cuore. È consigliabile nelle malattie della pelle e debolezza generale. Migliora la produzione di latte materno.

Fieno Greco / Trigonella

Marzo è il mese in cui arriva la primavera e ci sono le prime giornate di sole pieno. Tutti sono felici e non vedono l’ora che arrivino i primi fiori primaverili – un momento in cui il nostro corpo si sente in forma e sveglio dopo il lungo inverno. Ma e anche un momento in cui iniziamo a muoversi, a fare troppi esercizi. In questo momento abbiamo sempre bisogno di una medicina che riduca il dolore e i gonfiori in tutto il nostro corpo. Il fieno greco è anche un afrodisiaco naturale.

Nome scientifico: Trigonella foenum-graecum
Famiglia: Fabaceae
Parte utile: seme, foglia
Nome sanscrito: Methi / Methika

Proprietà ayurvediche:

  • Riduce Kapha e Vatha
  • Diuretico, riduce i gonfiori
  • Riduce il calore corporeo e allevia la febbre
  • Buono per la gotta
  • Anti diabetico
  • Riduce il dolore
  • Agisci come galactagogue

Il fieno greco è una pianta proveniente dalla famiglia delle Fabaceae, che è il gruppo di molti piselli e fagioli. Le foglie di fieno greco sono usate come ortaggi e i semi come spezie. È usato anche nei farmaci ayurvedici. Il fieno greco riduce Kapha e Vatha. È leggero e caldo nella proprietà. Agisce come un diuretico e aiuta a ridurre i gonfiori. Riduce il calore corporeo e stimola le funzioni ormonali del corpo. Aiuta ad aumentare la produzione di latte materno. È consigliabile nelle malattie di Vatha. Migliora la funzione del muscolo cardiaco e fa anche bene per le gotta. Il fieno greco aiuta a controllare il livello di zucchero nel sangue. Riduce la febbre e uccide i vermi intestinali.

Il fieno greco deve essere assunto in quantità moderate nel cibo e nelle medicine. L’assunzione eccessiva può essere fastidiosa soprattutto in gravidanza poiché aumenta le contrazioni uterine. Riduce facilmente i livelli di zucchero nel sangue, quindi i pazienti diabetici devono stare attenti a prendere il fieno greco.

Erbe e spezie in ayurveda

Fieno Greco Trigonella

Cardamomo

Ad aprile le condizioni climatiche sono in continua variazione con cambi repentini di temperatura. Un momento in cui il nostro corpo è sfidato con molte condizioni diverse e un tempo in cui tosse, dispnea e problemi diuretici si presentono. Per questo nella medicina ayurvedica usiamo il cardamomo una spezia che aiuta ad alleviare tutti questi problemi di salute e ha un sapore fantastico.

Nome scientifico: Elettaria cardamomo Maton
Famiglia: Zingiberaceae
Parte utile: seme
Nome sanscrito: Ela

Proprietà ayurvediche:

  • Buono per tutti i dosha
  • Allevia la tosse
  • Allevia la dispnea
  • Buon antipasto
  • Antiemetico
  • Cura i disturbi urinari

Il cardamomo è una spezia fresca con un aroma decisamente da menta. Utilizzato nei piatti per aggiungere sapore e anche molto sano. È dolce e leggermente acre / pungente nel gusto. È buono per tutti i dosha. Regola la temperatura corporea, previene l’alito cattivo, buono per la tosse, difficoltà respiratorie e vomito. È consigliato nella minzione dolorosa, nelle infezioni urinarie e nella minzione bruciante. Fa bene anche alla salute del cuore.

Curcuma

Maggio è sempre il momento in cui la nostra pelle sta diventando un po’ più efficiente, quando le allergie si manifestano e il nostro sistema immunitario ha bisogno di un richiamo, il tempo giusto per la curcuma.

Nome scientifico: Curcuma longa Linn
Famiglia: Zingiberaceae
Parte utile: rizoma, foglia
Nome sanscrito: Haridra / Rajani

Proprietà ayurvediche:

  • Riduce kapha e pitha
  • Anti-tossico
  • Anti-infiammatorio – riduce le infezioni
  • Anti-allergico
  • Buono per le malattie della pelle
  • Migliora il colore della pelle
  • Carminativo, buono per la digestione
  • Protettivo epatico – buono per il fegato

Si tratta dell’erba anti-tossica più importante. Erba molto usata nei piatti indiani. Aggiungendo la polvere di curcuma nei piatti che si cucinano,  la maggior parte delle sostanze nocive principali e minori presenti negli alimenti vengono uccise. La curcuma è utilizzata in varie preparazioni mediche ayurvediche antinfiammatorie, antiallergiche e anti-tossiche come decotti, polveri, oli, paste a base di erbe, ecc.
La curcuma protegge il rivestimento gastrointestinale e per questo è utile nelle ulcere da stress, alcol e droghe, diarrea. La curcuma aiuta anche nei disturbi del fegato. È utile in epatite, ittero, diabete. Ha anche proprietà anticancerogene. La maggior parte delle irritazioni della pelle e infezioni come tigna si allevia con l’applicazione di curcuma sulla pelle. La curcuma è anche usata nelle infezioni oculari. La proprietà antiallergica e il potere curativo della curcuma sono ben noti. La curcuma ha alcuni componenti come la curcumina che ha la proprietà di alleviare il dolore.
In generale la curcuma è un noto rimedio domestico indiano per tutti i tipi di infezioni, allergie, tossine sia esterne che interne, per migliorare la lucentezza della pelle e il colore.

L’assunzione eccessiva di curcuma può causare irritazione gastrica alle persone che sono più inclini all’acidità.

Coriandolo

A giugno inizia l’estate, è sempre bene rinfrescarsi un po’ e curare il corpo con un po’ di coriandolo. Il coriandolo è conosciuto nelle famiglie indiane da molto tempo come medicina contro la febbre e anche come medicina per raffreddare il corpo dall’interno.

Nome scientifico: Coriandrum sativum Linn
Famiglia: Ombrellifere
Parte utile: seme, foglia
Nome sanscrito: Dhanya / Dhanyaka

Proprietà ayurvediche:

  • Buono per tutti i dosha, specialmente per Pitha
  • Antipiretico – allevia la febbre
  • Allevia la tosse
  • Allevia la dispnea
  • Diuretico
  • Riduce il calore corporeo, allevia la sete, la sensazione di bruciore
  • Uccide vermi intestinali
  • Cura le emorroidi
  • Espettorante

Le foglie e i semi di coriandolo sono da sempre usati per dare sapore ai piatti indiani. Le proprietà mediche del coriandolo di alleviare la sete e migliorare l’appetito era nota agli antichi indiani e ciò ha reso il coriandolo una spezia necessaria e sempre presente nelle cucine indiane.
Il coriandolo funge da stimolante. Nutre i tessuti. Ha anche proprietà afrodisiache. Il coriandolo aiuta ad allentare la flemma e ad espellerla dai polmoni. È diuretico e questa proprietà è usata nei problemi urinari. La proprietà rinfrescante del coriandolo aiuta ad alleviare la sete, a ridurre il calore corporeo, a ridurre la sensazione di bruciore.
Il coriandolo è antinfiammatorio, utilizzato per le emorroidi, mal di denti, vermi intestinali, nausea, ritenzione urinaria, dolori persistente e sofferenza.
Il coriandolo è un rimedio casalingo indiano molto comunemente usato per curare molti disturbi come tosse, dispnea, vermi intestinali, stitichezza, scarso appetito nei bambini.

Il coriandolo può causare reazioni allergiche in alcune persone.

Assafetida o Assa Fedida

Luglio significa calde giornate estive, un mese in cui molte persone hanno difficoltà a digerire il cibo in modo corretto. Assafetida è un’erba che ti aiuta a rilassare lo stomaco e migliorare la digestione.

Nome scientifico: Ferula assa-foetida
Famiglia: apiaceae
Parte utile: essudati resinosi di radice
Nome sanscrito: Hingu

Proprietà ayurvediche:

  • Riduce vatha e kapha
  • Aumenta il gusto e l’appetito
  • Favorisce la digestione
  • Forte carminativo
  • Tonico nervoso
  • Espettorante – allevia la tosse, la dispnea
  • Antispasmodico – allevia dolori e dolori
  • Lassativo
  • Anti settico e antielminico
  • Buono per gli occhi.

L’assafetida è usata nei piatti indiani e in farmaci ayurvedici. È un forte carminativo – allevia il gonfiore, il disagio addominale e migliora la digestione. È incluso tra le erbe che agiscono come tonico nervino. A causa dell’influenza sul sistema nervoso, viene utilizzato in condizioni come crampi e convulsioni.
Assafetida aiuta a sciogliere il muco dai polmoni e aiuta a espellerlo. Quindi questo è molto utile nei casi di bronchite cronica, freddo, asma, tosse, muco congestionato. Può stimolare le mestruazioni. Le proprietà lassative aiutano ad alleviare la stitichezza. Ha proprietà anti-settiche e anti-elminitiche e quindi molto utile nei vermi intestinali.

L’assafetida può aumentare il pitha. A causa di questa proprietà l’uso di assafetida può avere un effetto negativo sui disturbi emorragici, sui disturbi infiammatori intestinali e sulla gravidanza.

Erbe e spezie in ayurveda

Ferula assa-foetida

Chiodi di Garofano

Agosto è il periodo delle vacanze, delle ferie in cui ci si rilassa, ci si calma un po’ e si ritorna a respirare. Le vacanze sono arrivate e molte persone ora possono rilassarsi. Il momento migliore per chiodi di garofano – una medicina che migliora la capacità polmonare e che è utile nelle malattie dentali.

Nome scientifico: Syzygium aromaticum Merr. & Perrie
Famiglia: Myrtaceae
Parte utile: boccioli di fiori secchi (chiodi di garofano), olio
Nome sanscrito: Lavangam

Proprietà ayurvediche:

  • Riduce kapha e pitha
  • Aumenta il gusto e l’appetito
  • Aumenta la capacità polmonare
  • Allevia il gonfiore, le coliche
  • Antisettico
  • Utile in malattie dentali, alitosi
  • Allevia l’iperacidità e la sete
  • Buono per occhi, tosse, bicipiti, malattie della pelle.

Il chiodo di garofano è un bocciolo di fiore aromatico che è usato nei piatti indiani e nelle medicine ayurvediche. I chiodi di garofano sono particolarmente utili nei disturbi dentali. L’olio e il bocciolo di fiore sono usati come analgesico locale per iper sensibilità dentale e la carie dentale, utile anche per l’alito cattivo. I chiodi di garofano internamente agiscono come un buon carminativo – alleviano il gonfiore, l’irritazione gastrica, la perdita di appetito. I chiodi di garofano sono utilizzati in preparazioni mediche e bevande che aiutano a curare l’iperacidità e la sete.
Ha la proprietà di aumentare la capacità polmonare e quindi aiuta nell’asma, nella dispnea, nella tosse. Ha una forte proprietà antifettiva – antielmintica, quindi è utile nei vermi intestinali. L’olio ha la proprietà di uccidere anche i batteri responsabili del colera. In generale è utile in condizioni di debolezza generale, dolori, infezioni, malattie dentali, malattie della pelle, tosse, diarrea, vomito, in oftalmologia. Inoltre, come spezia per aggiungere sapore ai piatti.

I chiodi di garofano di solito non causano effetti collaterali. Tuttavia l’uso intenso di olio di chiodi di garofano può irritare i tessuti della bocca specialmente nei bambini.

Cannella

Settembre è il momento del rientro al lavoro dopo la pausa estiva, cambia in tempo e cambia anche il cibo. Un tempo in cui abbiamo bisogno di spezie che riducano il Vatha. La cannella riduce Vatha e Kapha, ed inoltre la cannella è conosciuta come medicina naturale per il mal di denti e il cattivo respiro.

Nome scientifico: Cinnamomum zeylanicum Nees
Famiglia: Lauraceae
Parte utile: corteccia, foglia, olio
Nome sanscrito: Twak

Proprietà ayurvediche:

  • Riduce la vatha e il kapha
  • Aumenta il gusto e l’appetito
  • Forte carminativo
  • Allevia il gonfiore, la distensione addominale, il fastidio allo stomaco
  • Antispasmodico – allevia dolori e dolori.
  • Emostatico – previene il sanguinamento.

La cannella è una spezia aromatica ben nota nel mondo. La corteccia e l’olio di cannella sono ampiamente utilizzati. La cannella macinata viene usata nei piatti indiani e in molte medicine ayurvediche. È un forte carminativo: aiuta ad alleviare il gonfiore, il disagio addominale, la diarrea. Aiuta a ridurre i crampi allo stomaco e controlla il vomito. Usato esternamente in mal di denti e alitosi. La cannella è utile nella bronchite, nell’asma, nelle malattie cardiache.
La corteccia è utilizzata in preparati medicinali per indigestione, tosse, influenza, gargarismi, tisane.

La cannella di solito non causa effetti collaterali. Tuttavia, l’uso intenso di cannella può irritare la bocca e le labbra. In alcune persone può causare reazioni allergiche.

Pepe nero

Ottobre è il mese in cui molte persone si ammalano, si raffreddano o hanno la febbre. Il pepe nero è la medicina perfetta per evitare queste malattie. Allevia il freddo, la bronchite, la sinusite e molto altro.

Nome scientifico: Piper nigrum Linn
Famiglia: Piperaceae
Parte utile: frutta
Nome sanscrito: Maricham / Ushnam

Proprietà ayurvediche:

  • Riduce kapha e vatha
  • Buono per la febbre
  • Anti asmatico
  • Allevia il freddo, la bronchite, la sinusite
  • Anti tossico
  • Anti spasmodico – buono per l’artrite
  • Antielminico

È una delle spezie più comunemente usata nei piatti indiani. Il pepe nero agisce come uno stimolante, carminativo – buono per alleviare il gonfiore, l’indigestione, l’avversione, il basso appetito. Il pepe nero è un ingrediente importante nella maggior parte delle formulazioni ayurvediche per le malattie delle vie respiratorie superiori: bronchiti croniche, asma, singhiozzo, rinite e sinusite. Esternamente è usato sulla pelle per alleviare il dolore e come stimolante per la pelle. È antielmintico, ha proprietà antiossidanti e ha anche proprietà afrodisiache.

L’assunzione eccessiva di pepe nero può essere pericolosa durante la gravidanza e può anche causare irritazione gastrica alle persone che sono più inclini all’acidità.

Zenzero

Novembre è il mese dello zenzero, uno dei medicinali più conosciuti dell’Ayurveda, utile in molte condizioni, soprattutto per il colesterolo, una delle migliori medicine per ridurre il peso e per alleviare il raffreddore, la bronchite o la febbre. Lo zenzero si può usare quasi per tutto – fresco o secco – dentro o fuori.

Nome scientifico: Zingiber officinale Rosc
Famiglia: Zingiberaceae
Parte utile: rizoma
Nome sanscrito: Nagaram / Sunti (zenzero secco), Ardrakam (zenzero fresco)

Proprietà ayurvediche:

  • Riduce kapha e vatha
  • Anti-spasmodico
  • Antiemetico – allevia il vomito
  • Anti-flatulento – riduce la flatulenza
  • Anti-infiammatorio – riduce le infezioni
  • Allevia la febbre
  • Allevia la tosse, il raffreddore, il naso che cola
  • Aiuta a ridurre il peso
  • Riduce il colesterolo

Secondo l’ayurveda si tratta dell’erba più importante per migliorare il potere digestivo. La forma essiccata di zenzero è l’erba più comunemente usata nelle preparazioni medicinali. Le forme fresche e secche sono ugualmente utilizzate in vari piatti indiani. La forma essiccata di zenzero è raccomandata in caso di perdita di appetito, anemia, reumatismi, tosse, difficoltà respiratorie. Il zenzero fresco viene utilizzato per alleviare costipazione, dolori, ritenzione idrica, infezioni alla gola. Lo zenzero è utile in caso di chinetosi, disturbi mestruali, dolore artritico, emicrania, infezioni delle vie respiratorie superiori.

Gli studi hanno dimostrato che lo zenzero può rallentare la coagulazione del sangue. Poiché lo zenzero in quanto tale ha la proprietà di prevenire la coagulazione e ridurre la pressione sanguigna, assumere zenzero insieme a farmaci che fluidificano il sangue (anti coagulanti / antiaggreganti) potrebbe aumentare la possibilità di emorragia e lividi. L’assunzione eccessiva di zenzero può aumentare l’acidità o l’arteria.

Semi di Ajwain

A dicembre le notti sono più lunghe e il cibo è molto ricco, pesante e gustoso. Il Natale e le festività stanno arrivando e le celebrazioni familiari si protraggono con pasti lunghi e abbondanti. Un tempo in cui si mangia molto, il momento perfetto per i semi di ajwain, una spezia che aiuta ad alleviare da flatulenza e diarrea.

Nome scientifico: Trachyspermum ammi
Famiglia: Apiaceae (Ombrellifere)
Parte utile: semi
Nome sanscrito: Ajamoda / Deepyaka / Yavanika

Proprietà ayurvediche:

  • Riduce kapha e vatha
  • Aumenta pitha
  • Migliora l’appetito
  • Anti settico
  • Allevia flatulenza, indigestione, diarrea
  • Diuretico
  • Anti spasmodico

È una spezia comunemente usata nei piatti indiani, perché i semi di ajwain migliorano la digestione. Il seme ha una forte proprietà antisettica. Allevia la maggior parte dei disturbi digestivi come intestino sensibile, flatulenza, indigestione, mal di stomaco e diarrea. Controlla la funzione del muscolo cardiaco ed è diuretico.

La masticazione dei semi ajwain aiuta a prevenire i problemi di digestione dovuti all’assunzione eccessiva di cibi pesanti.

erbe e spezie in ayurveda

Semi di Ajwain, Trachyspermum ammi

Potrebbe anche interessarti:
La leggenda della cucina ayurvedica e come può guarire il tuo corpo
Spezie essenziali della cucina indiana

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *