Hawa Mahal il Palazzo dei Venti e le sue 953 jharokha

Hawa Mahal il Palazzo dei venti

Hawa Mahal il Palazzo dei Venti è situato a Badi Choupad, nel cuore della bellissima città rosa di Jaipur, capitale dello stato del Rajasthan. Si tratta di una delle attrazioni turistiche più famose e visitate, nonché punto di riferimento della città che è rinomata per la sua ricca cultura e architettura storica.

Costruito nel 1799 dal Maharaja Sawai Pratap Singh della dinastia dei Rajput di Kachhwaha, questa bellissima struttura è prevalentemente un alto muro di arenaria rosa e rossa che aveva lo scopo di permettere alle donne reali di guardare il festival sulla strada e sulla frenetica via della città, senza essere viste e rimanendo fuori dalla vista del pubblico. Questo edificio di cinque piani a forma di corona del dio Krishna con 953 jharokha o finestre e una facciata splendidamente decorata che assomiglia ad un nido d’ape di un alveare che dà una sensazione del ricco patrimonio dei Rajput.

Breve storia dell’Hawa Mahal il Palazzo dei Venti

Maharaja Sawai Pratap Singh, nipote del grande Maharaja Sawai Jai Singh che costruì Jaipur, fece erigere l’Hawa Mahal nel 1799. Rimase così impressionato dal Khetri Mahal costruito da Maharaja Bhopal Singh nella città di Jhunjhunu, in Rajasthan, che iniziò a costruire l’Hawa Mahal che oggi rappresenta una straordinaria gemma dello stile architettonica indù Rajput che si mescola all’architettura islamica Mughal.
Il palazzo è stato costruito come un’estensione del Royal City Palace e conduce alle camere delle donne o zenana. Uno dei motivi principali per la costruzione di questo bellissimo mahal/palazzo decorato con finestre a grata fine e balconi schermati era quello di facilitare le donne reali Rajput, che altrimenti seguivano il severo sistema Purdah e si astenevano dall’apparire in pubblico, nel dare un’occhiata agli eventi quotidiani, reali processioni e festival che si svolgono per le strade. In questo modo dai balconi hanno potuto apprezzare il loro senso di libertà pur mantenendo le loro abitudini.

Architettura e design dell’Hawa Mahal

L’architetto di questo esclusivo palazzo piramidale a cinque piani con un’altezza di 15 m dalla sua base elevata è stato Lal Chand Ustad. Il design dell’edificio mostra un’eccellente miscela di architettura indiana Rajput con l’architettura islamica Mughal. Lo stile Rajput è visibile dai pilastri scanalati, dai motivi floreali e baldacchini a cupola mentre gli archi e il lavoro di filigrana dell’intarsio in pietra sono manifestazioni dello stile Mughal.

Hawa Mahal il Palazzo dei venti

Dettaglio dei Jharokha il tipico balcone con finestra che si affaccia sulla via

Rimanendo in linea con altri famosi monumenti della città, che etichettano Jaipur come la “città rosa”, questo monumento è stato costruito con arenarie rosse e rosa. La devozione del Maharaja Sawai Pratap Singh verso il dio Krishna si manifesta dal disegno della struttura del palazzo che assomiglia alla corona della divinità. Sebbene non sia esattamente un palazzo, lo sembra dalla strada. La facciata dell’edificio, finemente scolpita con bellissimi motivi, è affini a quella del nido d’ape di un alveare. Diversi fori con piccole finestre a traliccio, griglia in pietra arenaria cesellate in cupole decorate che conferiscono all’edificio l’aspetto di una massa di baie semiottagonali. Ci sono un totale di 953 jharokha anche detti anche jharokha o jharoka che sono i tipici balconi sopraelevati, sporgenti in avanti tipici dell’architettura Mughal, tutti elaboratamente intagliati, ci sono anche finestre alcune delle quali in legno.
Queste jharokha sono state costruite in modo tale che l’aria circoli naturalmente attraverso di loro creando l’effetto Venturi, condizionando così l’intera struttura durante le calde estati indiane. Ogni jharokha ha una piccola stanza dove ci si può sedere e vedere la strada. Le fontane al centro di ogni camera si completano bene con il vento leggero che scorre attraverso i jharokha, migliorando così l’effetto di raffreddamento delle camere, da qui il nomignolo “Palazzo dei venti” o “Palazzo della brezza“.

Hawa Mahal il Palazzo dei vent

Interno dell’Hawa Mahal con cortile

Il design, lo stile e la costruzione brillantemente concepita del palazzo lo resero il preferito dal maharaja Jai Singh e divenne famoso come il suo capolavoro. Una porta imperiale dal lato del palazzo della città conduce all’ingresso del Hawa Mahal. All’interno tre edifici a due piani racchiudono un grande cortile su tre lati con l’Hawa Mahal situato sul lato orientale. Il cortile ospita attualmente un museo archeologico. L’interno del palazzo è  costituito da camere come anche passaggi, corridoi e pilastri che conducono al piano superiore è comunque abbastanza semplice rispetto all’aspetto esterno. La larghezza dei primi tre piani è quella di una stanza singola, mentre i primi due piani sono dotati di cortili. Non ci sono scale nell’edificio e i piani superiori sono raggiungibili solo tramite rampe.

Info utili

L’Hawa Mahal il Palazzo dei Venti è aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 16:30, tuttavia è meglio visitarlo al mattino presto quando i raggi dorati del sole cadono su questo edificio reale dandogli un aspetto più elegante e sfarzoso. Attenzione l’ingresso non è nella facciata davanti, ma essendo stato costruito come parte del City Palace, l’ingresso avviene da dietro dal palazzo.

Gli antichi manufatti conservati nel museo del palazzo offrono uno scorcio del ricco passato, del patrimonio culturale e dello stile di vita esuberante dei Rajput.

Come detto l’Hawa Mahal si trova nella città di Jaipur ben collegata con altre città indiane per via aerea, ferroviaria e stradale e anche con alcune città internazionali via aerea. L’aeroporto di Jaipur si trova a 13 chilometri dal centro. Jaipur è una delle tappe del classico itinerario Triangolo d’oro ma anche del classico tour del Rajasthan.

Articoli correlati
Viaggio nel Triangolo d’Oro, un assaggio dell’India
Viaggio in Rajasthan tra maharaja e rajput
Jaipur la “città rosa” del Rajasthan
10 luoghi da visitare in Rajasthan
Rajasthan 10 esperienze da fare e da vivere

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *