Tempio del Sole di Modhera in Gujarat

viaggio in Gujarat

A un centinaio di chilometri da Ahmedabad è possibile visitare il Sun Temple o Tempio del Sole di Modhera. Attraverso un percorso rilassante in mezzo alle verdi zone agricoli, a soli 35 km da Mehsana, sulla via dei templi della dea Bahucharaji ci si imbatte nel villaggio di Modhera. Situato sullo sfondo del fiume Pushpavati, circondato da un terreno formato da alberi fioriti, qui sorge il famoso tempio di Modhera.

I resti del Tempio del Sole a Modhera sono reliquie dei tempi passati quando la riverenza degli elementi naturali fuoco, aria, terra, acqua erano al loro massimo spazio di condivisione con miriadi manifestazioni di divinità vediche. L’antica filosofia che venerava gli elementi naturali e la sua associazione con gli esseri umani fu considerata la forza e l’energia primordiale del ciclo di vita.

Il Tempio del Sole è un gioiello nell’arte della muratura del periodo Solanki apparentemente chiamato anche l’età dell’oro del Gujarat.

Il dio sole è indicato come Surya o Aditya. Il tempio fu costruito dal re Bhimdev I nel 1026 d.C. e il re Bhimdev apparteneva alla dinastia Solanki, che è stato considerato Suryavanshi o discendenti del dio del sole. Il tempio presenta notevoli affinità con il più famoso e celebre Sun Temple che si trova a Konark nello stato meridionale dell’Orissa, quest’ultimo edificato due secoli più tardi. La struttura del tempio riflette architettura della dinastia Solanki. Come il Sun Temple di Konark il tempio è stato progettato in modo tale che durante gli equinozi il sole all’alba illuminasse l’immagine di Surya, il dio del sole.

Il tempio è stato una volta distrutto dai Mahmud di Ghazni. Tuttavia quello che è rimasto riesce a trasmettere la sua grandezza e imponenza. Non c’è da stupirsene, poiché l’edificio fu portato a termine dagli scalpellini di Silavat, famosi per la loro abilità nel trasformare la pietra dura in delicate sculture.

Tempio del Sole di Modhera: architettura e geometrie

Entrando nel complesso storico, si incontra prima cosa la vasca sacra nota come Rama Kund o Surya Kund (letteralmente “bacino di Rama” o “bacino di Sūrya”) costruita in forma rettangolare (50 x 20 metri), utilizzata dai devoti per eseguire abluzioni, rituali con le preghiere. L’imponente struttura contiene 108 santuari dedicati a varie divinità e semi-divinità. Suggestiva sono le geometrie delle scalinate a gradoni che scendono verso la base della vasca. I tre santuari principali posizionati sui tre lati del kund (vasca), dedicati a Ganesh, Vishnu e a un’immagine / incarnazione di Shiva che balla rivolto verso il Tempio del Sole che copre il quarto lato. Altri vari santuari mostrano diversi mudra allineati lungo la configurazione scalata dei gradini che conducono fino alla base della vasca.
Una grande torana, di cui oggi esistono solo due pilastri monumentali, si aprono sulla Sabha Mandapa.

La struttura del tempio è costituito da una Ramkund, un Sabha Mandap e una Gudha Mandap

La struttura del tempio è costituito da una Sabha Mandap e una Guda Mandap. Il Sabha Mandap è grande sala utilizzata per riunioni e conferenze. Il Sabha Mandap è disegnata su un piano ottagonale e aperta su tutti e quattro i lati, decorata con 52 colonne delicatamente intagliate. Le sculture rappresentano scene della Ramayana, del Mahābhārata e della vita di Krishna. È una sorta di portico colonnato aperta da tutti i lati, che consente di accedere alla sala principale Guda Mandap il vero santuario del tempio.

Il Guda Mandapa il vero santuario è costruito su una base a forma di loto, ospitava la statua di Sūrya. La statua non c’è più, probabilmente è stata trafugata durante il saccheggio ad opera di Mahmoud di Ghazni Questo edificio è stato costruito in modo che i primi raggi del sole, all’equinozio, illuminino il volto, ornato di gioielli, di Sūrya. All’interno del tempio c’è una sala con 12 nicchie alle pareti che illustrano le 12  diverse manifestazioni scolpite di Aditya (un altro nome per il dio del sole). Le dodici rappresentazioni scolpite sui pilastri rappresentano il sole secondo i dodici mesi dell’anno. Si ritiene che queste Adityas siano il mito alla base del Tempio del Sole, la leggenda attribuisce Aditya ai figli di Aditi, la dea dell’infinito in costante interconnessione dell’universo.

In altri punti del complesso ci sono gruppi di sculture erotiche che rimandano ai templi erotici di Khajuraho, e all’interno e all’esterno sono scolpite belle immagini del dio del sole.

Se amate ascoltare storie, assicuratevi di trovare il purohit o il sacerdote che si occupa del tempio e rimanete nelle vicinanze. Se lo trovate chiedetegli di raccontarvi o spiegarvi le storie,  le sequenze di epiche e leggende che sono scolpite sui 52 pilastri che aggiungono grazia e equilibrio alla sezione del tempio.

Tempio del Sole di Modhera: in primo piano il Sabha Mandap e poco dietro il Gudha Mandap

Se invece non lo trovate, attraversate la sala, apprezzate i murales intagliati che servono come una enciclopedia virtuale della storia delle comunità, riportano lezioni di mortalità, descrizioni di fiere e feste e riti dell’era d’oro. Se il tempo lo permette, potete esaminare ogni gruppo e testimoniare i dettagli intricati che comprendono i pannelli che parlano e condividono i loro costumi, gioielli, arti dello spettacolo, l’erotica e l’arte intensamente enigmatica di fare l’amore, le piante medicinali e la farmacopea incise sulla pietra.

Aperto tutti i giorni dalle 07:00 alle 18:00

Modhera è una meta ideale per essere lontani dal caos della vita cittadina, ed è famosa anche per la danza e diversi festival culturali.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *