Ladakh e i suoi gompa monasteri buddhisti tibetani

gompa monasteri buddhisti

Nell’estremo nord dell’India ai piedi dell’Himalaya si trova il Ladakh il “piccolo Tibet” il paese dei molti passi, dei suoi meravigliosi e unici paesaggi ma anche il paese dei molti gompa monasteri buddhisti dove monaci vivono, studiano e praticano la loro religione.

Risalenti all’epoca passata anche dall’XI all’VIII secolo,i gompa monasteri buddhisti sono ancora ben conservati e ospitano le comunità monastiche con diverse sette del buddhismo, ognuna delle quali impartisce e diffonde il proprio modo di vivere e credo religioso.
Costruiti nel corso dei secoli, rimangono in vita con le devozioni dei monaci, giovani e vecchi e dalle offerte delle popolazioni locali. Qui è possibile ricevere la benedizione di un lama, consultare un astrologo sul proprio futuro, ascoltare il lamento di un corno che riecheggia dalle pareti delle montagne e assistere a uno stile di vita tramandato intatto attraverso i secoli.
Al loro interno i monasteri sono depositari di una ricca collezione di dipinti, arte e manufatti buddisti che includono affreschi murali, statue dorate, icone religiose, intagli, pergamene, thanka, ecc. …

Gompa, tra demoni feroci conquistatori del male

I monasteri buddisti sono affascinanti ma sono anche sconcertanti e disorientanti. Al loro interno i dipinti sui muri narrano di dispute feroci, figure simili a draghi, statue sull’altare che raffigurano i molti dei del panteon buddista, curiosi cerchi chiamati mandala disegnati o fatti con sabbia colorata, molti strani artefatti di culto e di paura, maschere demoniache: i visitatori e viaggiatori possono capire poco del loro significato e degli strani rituali del Buddismo Lamaista.

Non era il buddhismo una religione riformista lungimirante fondata dal Buddha? Perché allora i gompa sono ingombri di così tanti idoli? Il Buddhismo non è una religione di compassione e cura? Perché allora feroci demoni, ritratti in murales e statue, rappresentati così nei gompa?

I demoni, chiamati divinità adirate, hanno radici nella fede sciamanica Bon del Tibet antico e nell’induismo. Il Buddha fondò la fede buddhista nell’India orientale intorno al 535 a.C. In seguito man mano che il buddismo si evolveva nei secoli successivi, si divise in fazioni ortodossa Hinayana e riformista Mahayana. Sotto l’influsso dell’induismo politeista, la religione, e in particolare la fazione Mahayana, assimilò una serie di divinità nel suo proliferante pantheon, anche se il buddismo non aveva mai avuto alcun concetto di creatore. Lo stesso Buddha fu deificato e considerato l’ultimo di una linea di Buddha primordiale; sono spuntati molti bodhisattva e tra questi Buddha emerse, posticipando la scoperta del loro nirvana per aiutare gli altri a raggiungere la salvezza come prescritto nella dottrina Mahayana, e includevano figure come Avalokiteswara che, alcuni studiosi credono, provenga dal dio induista Shiva.

gompa monasteri buddhisti

Preghiera e canti all’interno dello Samstangling Gompa di Sumur

Verso la fine del settimo secolo, un filone esoterico di induismo – il culto tantrico – che si sviluppò su colui che concepì l’universo come conseguenza dell’unione di Shiva e della sua consorte Parvati, raccontò la presa del buddismo Mahayana. Fu il risultante buddhismo tantrico, chiamato Vajrayana, che Padmasambhava, il predicatore indiano, portò in Tibet nell’VIII secolo.

I bodhisattva furono conferiti ora con le consorti femminili nella trasformazione della fede Mahayana, e molti furono ritratti nelle posizioni yab-yum (abbraccio sessuale), come si vede nei gompa. Per rendere il buddismo più facilmente accettabile in Tibet, Padmasambhava incorpora divinità e riti dell’antica religione locale Bon. Molte delle divinità adirate possono essere ricondotte a divinità Bon del benevolo, anche se i concetti dell’oscuro, cabalistico culto tantrico contribuirono anche a modellare gli dei demoniaci. Alcune delle divinità adirate sono dei protettori, della religione (dharmapala) e del cosmo (lokpalas). Non sono considerati come forze malvagie dai buddisti tibetani, piuttosto come conquistatori del male, assumendo aspetti feroci per vincere le grandi battaglie e proteggere l’universo.

Mentre si vaga in questi antichi monasteri, non si può non rimanere affascinati e incuriositi dalla loro magia. Si è pieni di un senso di meraviglia, di mistero e di una certa felicità. C’è oscurità in questi luoghi di culto, ma anche molto colore, ci sono affreschi fasulli e bellissimi buddha ma anche immagini strane, anche macabre, spesso una varietà sconcertante, e c’è il silenzio, eppure quando i lama conducono la puja (adorazione), c’è una incredibile miscela di suoni con cui il gompa si riempie. È un basso ronzio sonoro in cui i mantra sono intonati, ma ogni tanto le voci salgono a un crescendo, e c’è un’esplosione di musica tra scontro di piatti, tintinnio di campane, suoni di tamburi e trombe lunghe.

Per lo più pensato, è il silenzio e la tranquillità che pervadono i gompa. La parola gompa o gönpa significa “ritiro solitario” e la maggior parte dei monasteri sono davvero dei santuari appartati, lontani dai villaggi, generalmente situati in alto su un pendio collinare.

Architettura dei gompa monasteri buddhisti

Alcuni sono piccoli edifici di una stanza, la maggior parte dei grandi gompa si estendono in vaste collezioni di edifici, che si ergono su pendici di colline scoscese, alcuni addirittura incastonati in grotte naturale, e appaiono spesso come fortezze. Nonostante le loro dimensioni, i gompa hanno un aspetto rovinoso che fanno parte del loro fascino. Le loro pareti intonacate di fango sono composte di pietre – macerie con malta di fango – o terra speronata. Una struttura in legno spesso rafforza le pareti mentre i tetti piani hanno travi di legno che supportano le maglie di rami di salice su cui è posato uno spesso strato di fango. Gli edifici ai livelli più alti sono solitamente dipinti di bianco, le loro pareti slanciate, la facciata rigida punteggiata da grandi finestre disegnate in modo caratteristico, si assottiglia un po’ verso l’interno.

Quartieri e spazi residenziali per monaci e magazzini occupano i livelli inferiori. Il sentiero che si snoda attraverso di loro e oltre i chorten e le pareti delle pietre mani (sono ciottoli appiattiti sulla quale viene iscritto un mantra),  porta al portale principale dove normalmente ci sono file di ruote di preghiera che i devoti girano mentre passano. Si raggiunge  quindi un cortile centrale che in alcuni monasteri – per esempio ad Hemis – è molto grande ed è proprio qui che le danze mascherate (chiamate cham) vengono eseguite durante le feste annuali dei gompa che richiama gli abitanti dei villaggi e ora sempre più spesso turisti e viaggiatori.

Nella maggior parte dei monasteri non vi è alcuna disposizione simmetrica di camere o blocchi di costruzione. Di solito, di fronte al cortile, si trova il dukhang o sala delle assemblee: questa è la camera più grande e più importante del gompa, e in alcuni grandi monasteri, a volte c’è un seconda sala detta Tsokhang.
Il dukhang ha tipicamente un portico d’ingresso le cui pareti hanno murales raffiguranti i feroci Guardiani dei punti cardinaliLokpalas, guerrieri demoniaci che custodiscono i cieli e si crede proteggano il santuario da spiriti maligni. I quattro guardiani possono essere identificati dal loro colore:

  • Dhritarashtra (il nome in sanscrito, in tibetano è Yuk-k’or-srun), che è guardiano dell’est ed è bianco nel colore;
  • Virudhaka (in tibetano P’ag-kye-po), guardiano del sud e verde;
  • Virupaksha (in tibetano Ja-mi-Zan), guardiano dell’ovest e rosso;
  • Vaisravana (in tibetano Nam-Tho-Sras), guardiano del nord e giallo.

Solitamente dipinto sul muro del portico c’è la Ruota della Vita, raffigurante il ciclo dell’esistenza secondo il buddhismo. La ruota, fortemente aggrappata al terrificante Yamantaka, il distruttore, il Signore della Morte, ha un mozzo, raggi e cerchi. I raggi, che si irradiano attraverso il grande cerchio creano degli spicchi che racchiudono tra loro le deiezioni dei sei regni dall’alto, in senso orario:

  • la dimora o mondo degli dei;
  • la dimora dei semi-dei o diavoli malvagi asura che cercano il potere e sono sempre in guerra;
  • la dimora degli uomini;
  • la dimora degli animali;
  • la dimora dei fantasmi affamati o mondo dei preta
  • l’inferno o purgatorio.

Un essere può nascere in uno di questi regni a seconda del suo Karma (azione). I bodhisattva sono mostrati in ogni regno che predica e cercano di aiutare tutti a raggiungere la salvezza. Nel piccolo mozzo della Ruota della Vita sono raffigurati un gallo, un serpente e un maiale che rappresentano tre mali di base: rabbia, desiderio e ignoranza. Il cerchio e lo stretto cerchio più esterno, mostra simbolicamente il ciclo di causa ed effetto: come l’ignoranza (rappresentata dal cieco in alto) porta al desiderio e all’attacco, fattori che il Buddha indicò come la causa della sofferenza.

gompa monasteri buddhisti

Dukhang del gompa di Chemrey monastero buddhista della scuola Drugpa

Il dukhang è normalmente una grande sala rettangolare a colonne con l’altare e le immagini sulla parete posteriore, di fronte all’ingresso. Di solito non ci sono finestre, solo un lucernario a cielo aperto vicino al tetto. Normalmente è piuttosto buio, ma la camera è soffusa di colori: dal soffitto è appesa una serie di vivaci thangka, un rotolo di cotone o seta con dipinti buddisti tibetani, oltre che a merletti e baldacchini colorati.
File di colonne in legno sostengono il tetto; il pavimento è in genere in legno. Al centro, su entrambi i lati del corridoio centrale, ci sono due lunghi cuscini, sui quali si accovacciano i lama uno di fronte all’altro dove si svolge il servizio.
In questa zona molti oggetti rituali sono anche spesso collocati, come dorje o vajra simbolo del fulmine, la campana, il kapala la coppa cranica  usata come contenitore di offerte, un nodo infinito, la conchiglia con spirale destrorsa, ecc. …

La sezione a lato o dei muri vicini sono di solito riservati alla biblioteca del gompa: una serie di raccoglitori che conservano copie delle scritture buddiste tibetane, i Kangyur (testi canonici) e Tangyur (commentari e trattati).

A parte il dukhang, molti gompa hanno uno o più santuari chiamati lhakhang, questi sono generalmente camere molto più piccole sebbene progettate spesso sulla stessa falsariga dei dukhang. Lhakhang significa “stanza del dio” e molti di loro sono dedicati a particolari divinità. Ci sono molti lhakhang, ad esempio, a Guru Rimpoche, Tara o Chamba (Maitrea) il Buddha del futuro. Il lhakhang di Chamba sono normalmente strutture alte che custodiscono un gigantesco Maitreya alto due-tre piani.

Il più misterioso dei santuari gompa è il gonkhang, il tempio delle divinità protettrici. Tipicamente dipinto di rosso, il gonkhang (la parola significa stanza degli orrori) è una camera oscura e proibitiva, normalmente è vietato l’accesso alle donne. Immagini terrificanti e grottesche delle feroci divinità, generalmente velate, stanno qui come sentinelle; la stanza ospita anche le fiere maschere indossate nelle danze cerimoniali oltre alle tradizionali armi simboliche: spade e asce. La feroce divinità guardiano a sei braccia Mahakala, il “Grande Nero”, insieme a Yamantaka, il terrificante “Signore della Morte” dalla testa di bufalo, e Palden Lhami, l’unica divinità irata femminile, sono tra le più comuni icone presenti nel gonkhang.

Questo sono alcune delle caratteristiche dei gompa, ma ognuno di loro ha le sue particolarità i suoi segreti, la sua storia che li rendono unici. I gompa sono belli fuori e belli e ricchi di storia e di arte al loro interno. Ogni dipinto, statua, oggetto ha un suo significato e una sua storia che meriterebbe di essere raccontata.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *