Diversità etnica e popolazione tribale del Gujarat

popolazione tribale del Gujarat

Lo stato indiano del Gujarat ospita circa 9 di nove milioni di comunità tribali che risiedono principalmente sulle pendici del versante occidentale degli Aravalli (distretti orientali, di Monte Abu sul confine con il Rajasthan),  dei Monti Vindhya comprendendo parti dei distretti di Vadodara, Surat, Narmada, Chhota Udaipur, Sabarkantha, Banaskantha (sul confine con il Maharashtra nel sud), nella zona desertica del Kutch e nel distretto di Junagadh e Somnath.

Nel censimento dell’India del 2011 la popolazione tribale del Gujarat contava 8.917.174 persone su una popolazione totale di 60.439.692 abitanti, che costituiscono il 14,75% della popolazione totale dello stato. Di fatto il Gujarat rappresenta l’8,1% della popolazione di tribale dell’intera India.

La popolazione tribale del Gujarat ha diversi gruppi etnici, e i principali e più noti sono Bhil, Rabari, Ahir, Sidhdi e Bharwad. Ognuna di loro ha proprie origini, abitudini, habitat e etica culturale distinti.

Bhil

I Bhil sono la comunità tribale più grande e più popolare del Gujarat,  che vivono nelle parti di Surat, Bulsar, Banaskantha, Baroda, Dang, Sabarkantha e Broach.  Studi antropologici rivelano che i Bhil furono nominati da Rajput come Shikhari (cacciatori) perché hanno una conoscenza straordinaria del terreno. Sono esperti nella pratica del tiro con l’arco, infatti, il nome “Bhil” deriva dalla parola billee, che significa “arco”. Per anni, l’arco è stato un’arma caratteristica della tribù, e gli uomini di solito portavano con sé archi e frecce.
Oggi, i Bhil lavorano principalmente come contadini, braccianti e guardiani del villaggio. Con la crescita della popolazione, la maggior parte delle loro proprietà terriere sono piccole e generalmente non produttive.

popolazione tribale del Gujarat

Le donne Bhil amano ornamenti che sono portati sul collo, orecchie, piedi e mani

Gli uomini bhil indossano il dhoti-kurta e il turbante safa e ornamenti come anelli e tabij nel collo. Le donne indossano vestiti dai colori vivaci, chagara, choli e odhani. Le donne amano gli ornamenti e indossano anelli nelle dita dei piedi e delle mani. Le donne coprono la vita con kachota o sottoveste di colore scuro. Il kanchuli è usato per coprire il seno e l’odhani un velo nel colore rosso o scuro  utilizzato per coprire la testa e il corpo.
Con l’aumento della disponibilità si sono diffusi gli abiti moderni, ma generalmente le persone anziane preferiscono il dhoti-kurta e le donne amano i sari colorati. Sebbene gli ornamenti tradizionali siano ancora di moda, gli ornamenti in plastica decorativi sono stati adottati come articoli economici e facilmente reperibili.

Il Bhil di solito si sposa con le proprie classi. Se sposano qualcuno di un’altra classe, la persona della classe inferiore deve convertirsi a quella più alta, lasciandosi dietro tutti i legami familiari. Questa usanza è rigorosamente applicata tra le tribù.

Ogni villaggio è guidato da un capo che si occupa di dispute. Il rispetto tra i membri della famiglia è forte, e c’è un grande senso di connessione tra i vivi e i morti. La proprietà è condivisa allo stesso modo dai discendenti maschi. I villaggi bhil sono piuttosto disseminati. Le case si trovano in campi dove crescono miglio, mais, grano e orzo. Gli abitanti degli altipiani vivono in case ordinate fatte con pareti di bastoncini intrecciate con piccoli rami. I tetti (a forma di alveari) sono generalmente fatti di piastrelle di argilla, ma a volte sono fatti di paglia e foglie.

Rabari

Si tratta della tribù più popolare. I Rabari sono pastori di bestiame sempre in movimento chiamati Gypsi, nomadi che si spostano tra il Gujarat e il Rajasthan. Solitamente si spostano durante la stagione secca alla ricerca di erba per il loro bestiame e durante la stagione dei monsoni, tornano ai loro villaggi nativi. Si ritiene che la tribù dei Rabari sia migrata dalla regione dal Mediterraneo. Alcuni affermano che Rabaris sono figli di Dio – del dio danzante Shiva. C’è anche la convinzione che gli Unni dell’Asia Centrale abbiano attaccato l’India nel IV secolo e abbiano spazzato via la dinastia Gupta e che i Rabati fossero i loro figli. Ma non ci sono prove di tali affermazioni.

È una comunità puramente pastorale, ma oggigiorno alcuni di loro, specialmente nella zona di Patan, si sono fermati e si occupano di agricoltura. La lavorazione del latte è la principale attività dei dei rabari. Allevano e mantengono animali come pecore, bovini, capre, cammelli e bufali ed estraggono e vendono latte e burro chiarificato. Sono anche rinomati per il lavoro di ricamo creativo. Mangiano cibo vegetariano ed evitano l’alcol eccetto feste e matrimoni.

In Rajasthan i maschi rabari indossano abiti a volte colorati, mentre il Gujarati i rabari preferiscono gli indumenti bianchi, pantaloni bianchi di cotone e turbanti. Le donne indossano abiti neri con camicetta che lascia scoperta la schiena e gonna e portano gioielli e braccialetti pesanti color argento nelle braccia.

Sono anche chiamati Raika, Rabha, Bhopa, Devagi e Utwalle. Hanno un consiglio di casta chiamato Nyat che controlla le questioni relative alla loro comunità. L’organizzazione sociale Rabari è caratterizzata dal sistema di clan, localmente chiamato Ataks. Parlano hindi, marwari, haryanvi e usano la scrittura devanagari.

Si sposano all’interno della loro comunità. Il matrimonio infantile è comune, tuttavia i matrimoni tra adulti sono anche eseguiti attraverso la negoziazione. Il matrimonio è permesso sia per la vedova che per il vedovo. Mantengono solo una presunta parentela con gli altri. I rabari vivono in famiglie congiunte.

popolazione tribale del Gujarat

Rabari sono una comunità pastorale che si spostano tra il Gujarat e il Rajasthan

I rabari considerano Durga e Shiva come le loro divinità supreme. Shiva, Krishna, Durga e Amba sono le loro divinità del clan. Rama, Ganesh, Shiva, Durgadevi e Hanuman sono anche adorati come divinità del villaggio. Ogni anno si tiene ad Asthal Bohar nello stato dell’Haryana un festival per tre giorni.

Ahir

Le comunità tribali di Ahir hanno viaggiato da Sind e si sono stabiliti nell’area del Kutch tra Morvi e Bhuj nel Kutch  e nel Saurashtra (distretti di Rajkot, Junagadh, Bhavnagar, Porbandar, Jamnagar, Amreli, Surendranagar). La comunità di Ahir dipende principalmente dalla pastorizia e dalla coltivazione delle mucche per il loro sostentamento.

Sono non vegetariani e consumano pollo, carne di montone, pesce ma evitano carne di manzo e maiale. Il grano è la loro dieta base e occasionalmente mangia il riso. In inverno, consumano anche i miglio.

Entrambi gli uomini e le donne di Ahir indossano pantaloni kehdiyun e pantaloni larghi con una stoffa bianca e un pesante copricapo color argento. Le donne sono molto abili nella tessitura e nel ricamo.

Siddhi o Sidi

I Siddhi o Sidi sono una tribù di indigeni sudanesi che sono arrivati in Gujarat, centinaia di anni fa come lavoratori del sale, e hanno caratteristiche negroide distinte. Vari studi hanno rivelato che queste tribù sono discendenti dalla civiltà bantù dell’Africa subsahariana, portati in India come schiavi dai mercanti portoghesi e arabi. Oggi i Siddi vivono anche attorno al parco nazionale di Gir nei distretti di Junagadh e Gir Somnath.

Questa comunità tribale si guadagna da vivere con la silvicoltura e la caccia agli animali. Le persone sidhi sono culturalmente arricchite, mangiano prevalentemente cibo vegetariano, ma durante le feste e i matrimoni, preferiscono montone localmente chiamato Akhni. Sia gli uomini che le donne della comunità di Sidhi indossano abiti, odhani o dupatta con pesanti gioielli. Si esibiscono spesso in danze e musica Dhamal e Goma in lingua swahili africana. Goma ha anche un significato spirituale e, al culmine della danza, alcuni ballerini sono considerati veicoli per la presenza dei santi Siddi del passato.
Dopo i matrimoni, la ragazza tribale si unisce al clan con suo marito.

Il termine Siddi o Siddhi è adesso usato anche per  descrive tutte le persone di discendenza africana in India.

popolazione tribale del Gujarat

La popolazione Siddhi si esibisce spesso in danze e musica Dhamal e Goma

Bharwad

La tribù dei Bharwad è andata alla deriva in Gujarat da Mathura nell’Uttar Pradesh e si dice che sia la seguace del dio Krishna. Si dice che il termine Bharwad sia una forma modificata della parola Badawad dove “bada” significa pecora e “wada” in gujarati si riferisce al recinto. Sono persone dedite al bestiame che vivono nelle aree boschive di Vadodara e nelle periferie della foresta di Gir del distretto di Junagadh e vivono soprattutto nei pascoli delle foreste.

Usano la scrittura gujarati. Le donne indossano kaachuru e bandi rispettivamente il top senza schienale coperto da veli e la gonna insieme a gioielli pesanti. I loro panni sono vivaci e per lo più hanno disegni di fiori, pappagalli e pavoni.  Di solito gli uomini indossano un orecchino d’argento chiamato Variyo. La lunghezza dei turbanti differisce tra le due divisioni di Bharwad.
La tribù dei Bharwad celebra la loro annuale fiera del Tarnetar.

Esistono altre decine di gruppi tribali che risiedono in Gujarat tra cui Charan, Dhanka, Dhodia, Jat, Vagari, Vasava, ecc. … forse perchè l’uomo primitivo nel Gujarat probabilmente vagabondava a suo piacimento.  In generale sono popolazioni che hanno sviluppato un forte modello di relazione con il loro ambiente e l’utilizzo delle risorse naturali, ottenendo una nuda sopravvivenza. Oggi queste comunità stanno gradualmente perdendo parte della loro identità a seguito di un processo di inclusione nella società indiana. Il nomadismo è ancora praticato ma il processo di alfabetizzazione e molte dinamiche sociali ed economiche stanno riducendo questo fenomeno.

Un viaggio in Gujarat è senza dubbio un’occasione per incontrare e vivere l’esperienza della popolazione tribale del Gujarat.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *