Significato di Ganesha, il dio dalla testa di elefante

Tra le divinità più venerate e popolari dell’induismo c’è Ganesha il dio dalla testa di elefante. Ganesha o Ghanapathy significa “signore dei gana” o anche “il signore degli eserciti”, il dio della saggezza con la testa di elefante, dispensatore di successo, colui che supera gli ostacoli da cui anche il nome “signore degli ostacoli”. È invocato anche per proteggere i viaggi, come portafortuna in qualsiasi iniziativa, patrono degli scrittori perché la leggenda vuole che sia stato lui a mettere per iscritto il Mahabharata. Anche per questo spesso l’immagine di Ganesha si trova spesso sulla prima pagina dei libri indiani.

La leggenda di Ganesha

Raffigurato spesso presso l’ingresso di casa, Ganesha è una divinità protettrice e di buon auspicio. La leggenda narra che sia figlio di Shiva e Parvati o della sola Parvati che lo crea per metterlo a guardia del suo bagno. È un bellissimo bambino che assolve con diligenza ai suoi compiti tanto da impedire allo stesso Shiva di entrare in bagno. Quest’ultimo in un attacco di ira gli taglia la testa. Parvati è infuriata, le persone attorno contattano le divinità che suggeriscono di muovere verso nord e di riportare la testa del primo essere che trovano. Si tratta di un elefante a cui viene mozzata la testa ed ecco che Ganesha assume questo aspetto.

Il simbolismo di Ganesha

Quando però si guarda Ganesha il dio dalla testa di elefanteil dio Ganesha cosa si vede? Si può vedere una affascinante divinità un po’ comica dalla testa di elefante, a cui che è stato detto di pregare prima di iniziare qualcosa di nuovo. Si può sapere che lui è il dispositivo di rimozione degli ostacoli, e si può anche conoscere molte delle storie puraniche a lui collegate. Ma guardandolo più da vicino troverete un significato più profondo dietro i simboli che sono di fronte a noi.

Il topo detto mooshikham, (Mushika o Akhu) rappresenta il desiderio l’ego, ma è anche considerato il veicolo vahana, e rappresenta la forma più bassa degli animali. I topi, per natura, sono creature molto avidi che corrono qua e là a rosicchiare, ad accaparrarsi di gran lunga più di quanto hanno bisogno. Se un uomo ha desideri, può sprecare tutta la sua vita a correre qua e là, realizzando un desiderio, solo per sostituirlo con un altro. Invece, dovremmo essere come il dio Ganesha e mantenere i nostri desideri saldamente sotto controllo, non permettendo a loro di sopraffarci. Secondo il Vinayaka Puranam, il topo rappresenta anche il demone Gajamoohaasura che è stato distrutto dal dio Ganesha.

La testa dell’elefante rappresenta la più alta forma di animali. Avendo anche il corpo di un uomo dimostra che egli è Ganesha, il Signore di tutti gli esseri. Sulla fronte è raffigurato il simbolo di Shiva, il tridente inteso come il tempo nelle sue 3 forme passato, presente e futuro che Ganesha custodisce. Le sue grandi orecchie denotano che ha guadagnato la saggezza attraverso l’ascolto e la riflessione sulle verità eterne e spirituali dei Veda. La sua testa e il tronco sono curve a forma di Om, il nostro simbolo più sacro, che rappresenta il suono primordiale della creazione e il nostro più potente mantra nella preghiera e nella meditazione. L’importanza dell’elefante è che si tratta anche di un erbivoro, mangia cibo Sattvica – con calma e gentilezza anche se l’elefante ha una forza immensa, che utilizza solo quando necessario.

L’elefante tiene solo una zanna, l’altra è spezzata a significare la capacità di superare ogni dualismo.

La proboscide dell’elefante è uno dei pochi strumenti in natura in grado di eseguire azioni sia grossolane che delicate e precise, può sradicare un’enorme albero così come prendere il più piccolo degli aghi. Significa la necessità per noi di essere in grado di sviluppare il nostro intelletto, i nostri poteri di discriminazione, sia nel mondo grave o materiale e anche nel mondo sottile o spirituale.

Ganesha porta quattro braccia che simbolicamente rappresentano: mente, intelletto, ego, coscienza condizionata. In dettaglio nella mano destra tiene un’ascia o ankusa e nella mano sinistra tiene un cappio o paasa. Questi strumenti sono utilizzati a casa dai formatori degli elefanti per domare gli elefanti selvatici. Simbolicamente, la mente è come un elefante selvaggio, che va da qui a lì, nel caos, quindi dobbiamo usare l’ankusa per domare e controllare la nostra mente, tagliare e recidere tutti i nostri desideri che apportano sofferenza. Nella mano sinistra il cappio o paasa per legarlo al basso e tenerlo vicino a noi solo allora potremo concentrarci, contemplare e meditare.
In un’altra mano tiene un piatto di Mothakham. Questo dolce con il suo guscio esterno duro indica la ricompensa della dolcezza del sapere che si avrà con la ricerca della gioia spirituale, la soddisfazione e la contentezza viaggia lungo il sentiero dell’illuminazione. Indica anche l’importanza di mangiare il cibo corretto Sattvica per progredire spiritualmente. Infine in una quarta mano, rivolta al devoto in segno di benedizione abhaya.

La grande pancia di Ganesha ci dice che contiene tutto l’universo, ed è il simbolo del modo in cui dovremmo vivere la nostra vita. Dobbiamo essere in grado di accettare, assimilare e digerire tutto quelle esperienze che attraversiamo e incontriamo – siano esse buone o cattive. In tutto le nostre prove e tribolazioni dobbiamo essere equanimi e rendersi conto che tutte le esperienze sono esperienze di apprendimento e ci porteranno più vicini a Dio.

La divinità Ganesha sta seduto con una gamba piegata e l’altra gamba appoggiata a terra. La gamba a terra ci dice che possiamo vivere nel mondo come chiunque altro. Ma la gamba verso l’alto ci dice che la nostra concentrazione e la meditazione dovrebbero essere sempre concentrati all’interno della divinità. Un po’ come il loto che egli tiene in mano, che cresce in acqua stagnante, ma cresce e si eleva al di sopra della linea di galleggiamento in modo che la purezza non sia rovinato dalle acque inquinate sotto. Siamo in grado di vivere in questo mondo incontaminato dalla materialismo e dalle qualità negative del nostro ambiente.

Ai piedi di Ganesha vi sono spesso accumulati una vasta gamma di diversi tipi di cibo. Il cibo rappresenta la ricchezza materiale, potere e prosperità e indica che se si conduce una vita di alti principi e ideali, questi benefici materiali saranno sempre disponibili, anche se non si deve essere attaccati a loro, altrimenti il troppo attaccamento diventa un ostacolo al progresso della crescita spirituale.

Ganesha ha effettivamente utilizzato la sua zanna per uccidere l’entità del male, e poi con la stessa zanna ha scritto il più sacro dei libri il Mahabaratha. È interessante notare che, secondo le storie puraniche, tutti i veicoli dei diversi dei e divinità rappresentano gli asura (demoni) particolari che hanno sconfitto. Simbolicamente rappresentano l’ignoranza dell’uomo, che può essere tenuta sotto controllo solo da Dio, nella forma di conoscenza.

Le 32 forme di Ganesha il dio dalla testa di elefante

Ci sono 32 forme di Ganesha il dio dalla testa di elefante e ognuna ha una ricchezza di storie puraniche collegate ad esse. Essi includono: Balaganapathy che lo raffigura come un bambino; Herambaganapathy con cinque teste, dieci mani, 3 occhi in ogni faccia ed a cavallo di un leone; Vyravignesha che mostrando la sua forma di combattente con molte armi impugnate tra le mani; Lakshmiganapathi, con la moglie dea Lakshmi; Nrittaganapati, una meravigliosa immagine di lui che balla.

Ciascuna di queste forme ha una ricchezza del simbolismo collegato ad esso. Ognuno ci porterà più vicini alla meta che cerchiamo. Abbiamo solo bisogno di scavare più in profondità per rivelare i tesori della conoscenza spirituale e filosofica che i nostri antichi antenati hanno lasciato in eredità a noi.
Per coloro che hanno sete di realizzazione spirituale, e godere della stimolazione intellettuale di essere un “detective spirituale”, l’arte del simbolismo è l’occasione perfetta per conoscere l’induismo al suo meglio.

La celebrazione dedicata a Ganesha è il Ganeshotsava (festa di Ganesh) tra la fine di agosto e l’inizio di settembre. La festa è popolarissima nel Maharashtra ed è celebrata con fasto a Mumbai. Dura dieci giorni e l’ultimo giorno le grandi statue d d’argilla del dio Ganesha, offerte da diverse comunità, dopo una ultima sfilata per le strade della città sono lasciate andare in acqua all’interno del Mare Arabico.

4 commenti
  1. Nelly
    Nelly dice:

    Non conoscevo Ganesha. Ho comprato ieri una piccola statua di questo dio elefante. Istintivamente ho sempre amato gli elefanti; mi piacevano per le loro grandi orecchie che denotavano la capacità do ascoltare molto bene e da questa capacità intuivo che doveva derivare una buona intelligenza: Mi piace invito che da Ganesha viene di pregare prima di iniziare qualsiasi cosa impegnativa. Talvolta lo facevo istintivamente; altre volte dimenticavo ciò.
    Vorrei conoscere quanti più particolari possibili di questo simpatico dio-elefante

    Rispondi
  2. Nelly
    Nelly dice:

    nte. La preghiera è sempre importante, anche per il nostro benessere.. Mi hanno entusiasmata le quattro braccia: da sempre dico che mi ci vorrebbero almeno tre o anche quattro. Due sono per me troppo poche e mi impediscono di fare tutte le cose che voglio. Non conosco l’induismo, ma cercherò di leggere qualcosa. Grazie
    nelly

    Rispondi
  3. Egidio
    Egidio dice:

    Salve ho trovato una statua di Ganesh con sei braccia …. e’ insolita o rientra nella moltiplici visione della divinità?!grazie

    Rispondi
    • Samuele
      Samuele dice:

      Buongiorno Egidio,

      non è una particolarità, si trovano divinità indiane con più braccia, anche se di solito Ganesh compare solitamente con 4 braccia

      Le braccia multiple indicano una maggiore potenza rispetto agli umani. Il numero di braccia varia in base a vari fattori. Normalmente sono 4 braccia o multipli sempre pari, ognuna con un oggetto diverso che porta quindi un significato diverso.
      Comunque il numero può variare. Ganesh con quattro braccia stanno ad indicare:
      1- L’Abhaya mudra (gesto di impavidità) della sua mano destra inferiore simboleggia le benedizioni e la protezione di Ganesh sul viaggio di una persona attraverso la vita, specialmente quella spirituale.
      2- Nella sua mano destra in alto, Ganesh di solito tiene un’ascia, con la quale si dice che tagli tutti gli attaccamenti della vita.
      3- Porta i devoti più vicini al sentiero spirituale dalla corda che porta nella sua mano sinistra in alto.
      4- Offre ricompense per amate (sadhana) fatte con il modak (tipo di confezione, di solito fatta con farina di riso e un ripieno di sagù, cocco, ecc.) Che tiene nella mano in basso a sinistra.

      Si può anche trovare Ganesh con 6 o 10 braccia che portano altri oggetti ciascuno con il loro significato. Quindi dipende dalla complessità del messaggio.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *