Ladakh – Lamayuru Gompa o Yang-Drung Gompa

Lamayuru Gompa

A circa metà strada del tragitto da Leh e Kargil, in mezzo a calanchi erosi dagli agenti atmosferici si arriva al remoto villaggio di Lamayuru che conta meno di 500 abitanti. Si scorge sul fondovalle la vecchia strada carovaniera, che serpeggia fra numerosi chorten sullo sfondo appare il Lamayuru Gompa il monastero, situato su di uno sperone di roccia, esposto al sole dall’alba al tramonto.

Il Lamayuru Gompa ha una misticità che nessun altro monastero ladaki può eguagliare. Forse è per via della sua scenografia spettacolare: le scoscese scogliere e le distese di ghiaione che circondano la sua fitta pila di mattoni di fango, uno Shangri-la smarrito che ammira le montagne desolate. Forse è la sua posizione, remota e isolata ma non appartata, un punto di sosta fin dai tempi antichi per i viaggiatori sulla strada del Kashmir. Per i primi turisti che si sono avventurati in Ladakh tra la metà degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80, viaggiando a Leh da Srinagar, Lamayuru è stato il primo grande monastero sulla strada, un’introduzione impressionante alla cultura religiosa e al paesaggista della terra.

Il villaggio di Lamayuru e i suoi campi si trovano sotto il monastero, che si estende su tutte le pendici e il pavimento del bacino glaciale che racchiude l’area è attraversata dal torrente Drogpo. Il terreno tutt’intorno è stupefacente: la scogliera su cui sorge il monastero, uno sperone simile a un promontorio, è pesantemente eretta, i suoi lati sono frastagliati e spogli. Gli antichi chorten e le case di mattoni di fango, le case dei villaggi e, più in alto, i quarti dei monaci si fondono perfettamente con tutto ciò, quasi come se non fossero fatti dall’uomo, ma parte del paesaggio naturale.

Leggende e storia del Lamayuru Gompa

C’è una storia mitica secondo cui il bacino glaciale di Lamayuru era un tempo un grande lago e questo potrebbe essere vero; sulla depressione della Moonland (formazione di roccia sedimentaria che richiama un paesaggio lunare), secondo i geologi, c’è ne era certamente uno.

Il grande saggio Arhat Nyimagong, secondo la storia, ha usato i suoi poteri spirituali per aprire una crepa sul lato del bacino e prosciugare il lago. Profetizzando che un monastero sarebbe venuto su al di sopra della depressione, piantò mais sui bordi che maturava a forma di svastica. Questo, si dice, è il motivo per cui il monastero di Lamayuru è propriamente chiamato Yang-drung Gompa, yang-drung è la parola tibetana che sta per la svastica.

Alcuni storici tuttavia vedono nel nome indicazioni che Lamayuru era un tempo un centro religioso dell’antica fede Bon originaria del Tibet. Yang-drung farebbe riferimento a una fazione ortodossa della religione Bon, che prosperò una volta nelle terre ad ovest del Tibet, quindi Lamayuru poteva adattarsi a questo credo. Non ci sono però resti di templi Bon che potrebbero essere esistiti e l’antichità buddhista di Lamayuru è in dubbio.

La principale prova di ciò è il piccolo tempio Sengge-Gang che conserva sculture e iconografie nello stile Alchi dell’XI e XII secolo. Rinchen Zangpo (958-1055), missionario e traduttore tibetano, ha costruito qui due templi e cinque chorten, e probabilmente esistevano un tempo cinque santuari di Alchi a Lamayuru di cui sopravvive solo il Sengge-Gang. La leggenda narra che il grande saggio kashmiri Naropa (1016-1100), dell’ordine Kagyupa emerse una volta meditando in una grotta che confina con l’attuale dukhang del monastero.

Il Lamayuru Gompa è il più antico gompa del Ladakh, del sottordine di Kagyupa Drigungpa a cui ora appartiene Lamayuru. L’altro gompa di Drigungpa in Ladakh è ovviamente a Phyang. Il numero di monaci del monastero è in continua diminuzione. Solo una decina di anni fa c’erano circa 150 e 200 monaci, con una scuola per la formazione di giovani novizi o getsuls. Nel 1820, c’erano circa 500 lama nel monastero, secondo William Moorcroft, che con George Trebeck furono i primi visitatori britannici in Ladakh. Moorcroft, nel suo dettagliato resoconto di viaggio, scrisse:

A Lamayuru fui investito dei privilegi di un santuario … da parte degli editti degli imperatori di Delhi e dei loro governatori del Kashmir.

In effetti, un altro nome per il gompa era Tharpa Ling, o “luogo di libertà”; persino i criminali non potevano essere arrestati una volta entrati nel monastero.

Lamayuru ospita due annuali festival. Il più importante è il Yuru Kabgyat è un festival di 2 giorni, che si celebra ogni anno al Lamayuru Gompa il 17° e il 18° giorno del 5° mese tibetano (che di solito cade tra giugno e luglio). Il Yuru Kabgyat  rievoca il Guru Rimpoche Padmasambhava, uno dei principali insegnamenti del buddismo tibetano, un due giorni di preghiere, danze cham e rituali per sconfiggere le divinità del male e portare la pace nel mondo.

L’architettura del Lamayuru Yang-drung Gompa

Il monastero di Lamayuru fondato nell’XI secolo , originariamente era composto di cinque edifici, ma oggi è rimato solo quello centrale. Il dukhang o sala riunioni del Lamayuru si trova nell’edificio principale del monastero ai margini della scogliera. Una scalinata conduce ad un cortile che fronteggia la sala, con le consuete divinità guardiane dipinte sul muro d’ingresso. La sala è impreziosita da una serie accattivante di thangka e altri tendaggi in seta colorata; ci sono anche le file usuali di posti con tavoli bassi per i monaci. Contro il muro di fondo c’è una serie di statue dietro il vetro, nessuna molto grande. Guru Rimpoche (Padmasambhava) si trova all’estrema sinistra, seguito da Chosky Lotup, che è stato un lama di alto lignaggio a Lamayuru, e Shyoba Jigen Sumgon, il fondatore del sottordine del Drigungpa.
Due guru del lignaggio Dringungpa, Thinley Zangpo e Zin Chotok, sono incastonati più a destra; il prossimo facilmente riconoscibile è il Buddha Sakyamuni affiancato dai suoi discepoli Sariputra Mogallana.

Lamayuru Gompa

Il dukhang o sala riunioni del Lamayuru Gompa

Una porta accanto alla statua del Buddha conduce ad una prima anticamera con diverse divinità e alcune squisite sculture di burro. Tra le divinità troviamo Mahakala (estrema sinistra) seguito da Abchi Choski Dolma (la dea protettrice del sottordine Drigungpa) e Skyoba Jigten Sumgon. C’è una seconda immagine di Abchi all’estrema destra del pannello.

Normalmente non accessibile è la grotta inserita attraverso una porta sulla parete destra del dukhang; è qui che si crede che Naropa abbia meditato mille anni fa. Una statua di lui insieme ai suoi discepoli Marpa e Milarepa stanno nella grotta.

Il dukhang è meglio visitarlo al mattino quando i lama si radunano per il servizio; puoi vedere la puja celebrate e sedere tranquillamente alle spalle e si è anche libero di camminare intorno ai lati della sala e apprezzare le sculture.

Lamayuru Gompa

Sopra il dukhang, sul pavimento dell’edificio, c’è il gonkhang. C’è il Mahakal qui, naturalmente, la feroce divinità protettrice, ma la camera ben illuminata ha una miriade di altre immagini per lo più legate all’ordine Kagyupa.

Oltre a tre grandi chorten di fronte all’entrata c’è una Marpa seduta, seguita da Vajradhara, il primordiale Buddha dell’Essenza, e Milarepa, il santo-poeta con la mano destra a coppa sull’orecchio mentre ascolta gli echi della natura. Vajradhara è tenuto nella massima considerazione dagli adepti di Kagyupa, poiché è da lui, credono, che Tilopa, il guru di Naropa, ha ricevuto direttamente i suoi insegnamenti.

Dietro i tre ci sono Padmasmabhava e il fondatore di Drigungpa Skyoba Jigten Sungon, che indossa il caratteristico cappello. Il gongkhang ha dei dipinti meravigliosi, specialmente sul muro di sinistra.

Scendendo dall’edificio principale del monastero, raggiungi un cortile dove si trova un altro importante tempio, il Chenresig Lhakhang dedicato ad Avalokiteswara (chenresig). Questo grande tempio di legno ben illuminato è molto suggestivo, è un ambiente piuttosto arcaico. Una grande immagine del fondatore del sottordine Skyoba Jigten Sumgon si trova nel mezzo dell’altare affollato da una miriade di piccole figure di argilla.

Ci sono diverse dee lhamos, su entrambi i lati di Skyoba con una fila di guru dietro di loro sul lato sinistro. All’estrema destra c’è un Buddha Sakyamuni con i suoi due discepoli.

Dietro le immagini, in parte visibili, c’è Avalokiteswara nella sua manifestazione mille braccia, a undici teste. È un’immagine grande, incredibilmente bella quando la vedi alzata, dopo essere entrato nell’anticamera.

La parete destra dei templi ha una fila di otto chorten con murales dipinti sopra, molti dei quali mostrano divinità negli abbracci yag-yum, incluso Buddha con Prajnaparamita.

Il tempio di Sengge-Gang, il più antico santuario esistente di Lamayuru, è di solito trascurato; la maggior parte dei visitatori non lo visita perché è lontano dal complesso del monastero, giù per la collina, raggiungibile attraverso un sentiero che attraversa le rovine degli edifici. Chiedete ai lama che qualcuno vi guidi e porti con sé le chiavi, perché il tempio è normalmente tenuto chiuso.

Il nome Sengge-Gang significa “leone tumulato”, estendendo la leggenda del lago e del suo prosciugamento da parte di Arhat Nyimagong, si dice che quando le acque si ritirarono, un leone morto fu trovato vicino a un cumulo sul fondo, e qui era dove fu costruito il tempio. Gli storici datano il tempio ai tempi di Rinchen Zangpo (XI-XII secolo); non è stata trovata alcuna iscrizione o altra prova per stabilire una data esatta per la sua fondazione.

Entrando da una piccola entrata scolpita, la camera principale del tempio, una stanza di medie dimensioni ha la sua parete rivolta verso la porta piena di un complesso Vairochana dello stile Alchi. L’onnisciente Dhyani Buddha, incorniciato in un arco siede a gambe incrociate, le mani nel mudra della predicazione, la testa con una corona a cinque foglie. Un grande arco esterno avvolge una configurazione di leoni dall’aspetto strano, con code arrotolate, in piedi in cima a piccoli elefanti su entrambi i lati di Vairochana; i leoni sono il monte di Vairochana. Mitici mostri marini i Makara, si intrecciano sopra con la fenice Garuda che spande le ali in alto. Gli altri quattro Dhyani Buddha fiancheggiano la configurazione, due su entrambi i lati, uno sopra l’altro; il blu Akshobhya e il rosso Amitabhava a sinistra, il giallo Ratnasambhava e il verde Amogahsiddhi a destra. I volti hanno un aspetto indiano ed è il tardo idioma buddhista indiano, prevalente nel Kashmir mille anni fa, che segna chiaramente il complesso.

I dipinti sui muri sono gravemente danneggiati, ma i mandala e i maghi del Buddha sono visibili. Un piccolo gonkhang ben illuminato confina con il tempio: ha tre grandi immagini di divinità irate – Yamantaka, il Terminator della morte, essendo il più grande, con Yama, il dio della morte, accanto a lui, seguito da Hayagriva.

Lamayuru Gompa

Maschere e danze cham per l’annuale festival Yuru Kabgyat a Lamayuru

Come arrivare al Lamayuru Gompa

La soluzione più rapida è volare da Delhi a Leh capoluogo del Ladakh a 3.500 metri, da qui con un auto privata o taxi si percorrano i 130 km che la separano da Leh e si raggiunge in circa 3,5-4 ore (la strada è in buone condizioni e non presenta passi montani). Da Leh ci sono anche bus quotidiani direzione Kargil che impiegano circa 6-7 ore.
Di solito Lamayuru è visitato come parte del circuito dei gompa ad ovest di Leh.

È comunque possibile arrivare in auto a Lamayuru da Srinagar – capitale del Kashmir- servono circa due giorni per la presenza di alti passi di montagna e perché si percorrono strade militari, con sosta e pernottamento a Kargil.

Non ci sono hotel, solamente semplice homestay e in generale sistemazioni economiche, dove è richiesto un po’ di spirito di adattamento, ma che per una notte possono andare bene.

Ti potrebbe interessare:
Al monastero di Lamayuru il thangka viene esposto
Ladakh – Chemde o Chemrey Gompa monastero del lignaggio Drukpa

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *